mercoledì 21 dicembre 2016

L'ISTAT "scopre" i piccoli musei


Il nuovo Rapporto Istat sui musei italiani è interessante (ma anche debole).
All’Istat risultano appena 4.976 musei; nel numero sono compresi anche 536 monumenti.
Naturalmente i musei in Italia sono molti di più. Tanto per essere chiari all’Istat risultano solo 427 musei in Piemonte, quando a noi, in Piemonte, risulta che ci siano più di mille musei!
In media i musei italiani registrerebbero 22 mila visitatori, ma nei fatti sottolinea Istat il 36,5% non conta più di mille visitatori l’anno.

Ma la vera novità è l’interesse dell’ISTAT verso i piccoli musei, ai quali viene dedicata qualche riga sotto il titolo: “Piccoli musei diffusi su tutto il territorio italiano” (sic!)
“A differenza di altri Paesi, l’offerta museale italiana è costituita da un consistente numero di strutture di dimensioni piccole e piccolissime, diffuse sul territorio. Le maxi-strutture espositive (capaci di richiamare più di 500 mila visitatori) rappresentano meno dell’1% del totale, sono presenti in un numero limitato di regioni, insistono generalmente in aree metropolitane, ma da sole attraggono il 38,7% del pubblico. Per il resto, tre istituti museali su quattro sono costituti da strutture che non registrano più di 10 mila ingressi l’anno. Le organizzazioni di piccolissima dimensione (con meno di 1.000 visitatori), presenti anche nei centri urbani più piccoli, sono tendenzialmente dotate di modeste risorse finanziarie e organizzative: nel 42,7% dei casi il personale in media è composto da poco più di 2 addetti che parla inglesem solo - il 38,9% dispone di un sito web, solo il 19,8% accede a finanziamenti pubblici e meno del 11% è in grado di ottenere finanziamenti e contributi privati o di generare proventi attraverso servizi aggiuntivi. Si tratta generalmente di strutture di cui sono titolari i Comuni (nel 47,4% dei casi) o gli enti ecclesiastici o religiosi (13,9%). In larga parte (20,8% dei casi) sono costituite da musei etnologici e antropologici che conservano ed espongono testimonianze e memorie legate al territorio e alla storia locale”.
Che altro?
Per il futuro speriamo che ISTAT e Ministero si confrontino anche con l'Associazione che si occupa di piccoli musei.
GD 
nell'immagine il piccolo museo Tolomeo di Bologna

Nessun commento:

Posta un commento