martedì 24 febbraio 2015

I temi dell'Ass.ne Nazionale dei Piccoli Musei


Riprendo alcune riflessioni pubblicate da Caterina Pisu nella nostra pagina Facebook:
"Parlare quindi di Musei e territorio in una congiuntura così drammatica, con una crisi economica che sembra quasi cruda e devastante, con le pubbliche istituzioni avvolte da un clima di insofferenza e stanchezza, accusate di procedere per inerzia sulla base di normative vecchie e sclerotiche, ancorché spesso disattese e piegate a effimere convenienze passeggere, significa contribuire alla riflessione su un modello di società ancora figlia della partecipazione, del pluralismo e della democrazia; significa fare un investimento in termini di civiltà e speranza tenace verso la conservazione di uno stile di vita alto e di qualità. I musei locali possono assumere una rilevante importanza nel contesto delle riflessioni su un simile modello di società, essi possono essere definiti Musei di "terza generazione" dopo quelli di storia della città, musei di "seconda generazione", anch'essi appartenenti alla categoria di musei in senso ampio "locali", la cui nascita segue, da un punto di vista cronologico e ideale, quella dei musei nazionali che a più titolo possiamo considerare i primi musei moderni in senso pieno, luoghi di produzione e trasmissione di idee e conoscenza diffusione, quindi democratica".
Questo brano è tratto dall'introduzione di Fulvio Ricci, direttore del Museo del Costume Farnesiano di Gradoli (VT), agli Atti del Convegno di Gradoli del 27 maggio 2011, "Musei e Territorio. Conoscere, proteggere, promuovere".
E' la prima delle considerazioni di Fulvio Ricci, e non solo di questo studioso, che vorrei pubblicare in questa pagina perché corrispondono pienamente al pensiero dell'APM (...). Ricci tocca un punto fondamentale che è l'arretratezza e l'inadeguatezza delle normative e l'inerzia delle istituzioni. Purtroppo si tratta di due problemi con i quali ci si deve scontrare quotidianamente e per questo motivo è fondamentale riuscire a creare una "rete" tra coloro che si occupano di musei, intesa non come "sistema" imposto dall'esterno per motivi amministrativi ed economici, ma come esigenza concreta di relazione tra varie realtà attive e con identiche finalità.

venerdì 20 febbraio 2015

Ancora novità dal grande mondo dei piccoli musei italiani


Come certo sapete l'Associazione Nazionale dei Piccoli Musei, un unicum nel panorama italiano dei musei che ci riempie di orgoglio, segue anche diverse iniziative internazionali.
Chi ha partecipato al nostro ultimo convegno nazionale di Viterbo, ricorderà le relazioni e la presenza di diverse realtà europee ed extraeuropee.
Posso anticipare che anche il prossimo Convegno Nazionale di Massa Marittima (2 e 3 ottobre) vedrà la presenza di diversi relatori internazionali che come noi riescono a valutare i problemi dei musei nell'ottica dei piccoli musei.
Ci tengo anche a ricordare la partnership con Musées Emportables, della quale ci parla Caterina Pisu qui:
http://museumsnewspaper.blogspot.it/2015/02/sceneggiare-i-musei-esercizi-di.html?spref=tw

Continua l'interesse della stampa su #Smallmuseumtour, come si vede anche in questo articolo:
http://ilmuseoduepuntozero.altervista.org/i-piccoli-musei-emergono-nel-web/

e in quest'altro:
http://www.quinewsempolese.it/una-visita-virtuale-al-museo-della-ceramica.htm

Qui potete seguire i tour virtuali dei piccoli musei in differita:
https://tagboard.com/smallmuseumtour/173126

e a proposito di #Smallmuseumtour ricordo che il 20 febbraio, con la visita al museo di Montelupo, si è tenuto il terzultimo appuntamento della seconda serie.



domenica 15 febbraio 2015

Novità dal grande mondo dei piccoli musei



Caterina Pisu (coordinatrice dell'Ass.ne Nazionale dei Piccoli Musei- APM), e Ilenia Atzori (responsabile APM Sardegna) stanno preparando una bella novità. Sull'onda del successo di #smallmuseumtour (un altro modo di conoscere, visitare e valorizzare i piccoli musei), in vista di Expo, organizzeranno un viaggio tra i musei del Cibo del nostro Paese. Li potremo conoscere, e vedere seguendo gli hashtag #smallmuseumtour e #Expo2015, a partire dal 4 maggio.

Il magazine Zebrart.it ha dedicato diversi articoli al tema dei musei, nell'ottica dell'Ass.ne Nazionale dei Piccoli Musei, con interviste sulle straordinarie esperienze di didattica museale che si svolgono nei nostri musei, che trovate qui:
http://zebrart.it/didattica-museale-iniziative-nei-piccoli-musei/
nonché sull'evento #smallmuseumtour, qui:
http://zebrart.it/smallmuseumtour-musei-nellera-di-twitter/

Anche ArtTribune dedica al articolo a #Smallmuseumtour:
http://www.artribune.com/2015/02/i-piccoli-musei-ditalia-si-danno-appuntamento-su-twitter-visite-virtuali-tra-foto-e-cinguettii-per-conoscere-preziose-micro-realta-territoriali/

Nel caso abbiate perso i #Smallmuseumtour, o desideriate saperne di più, li trovate qui:
https://tagboard.com/smallmuseumtour/173126

Ricordo che il 2 e 3 ottobre si terrà a Massa Marittima (Grosseto) il VI Convegno Nazionale dei Piccoli Musei, al quale - se vi interessano i temi legati all'innovazione nella gestione dei Musei - non potete mancare. Il programma è ormai pronto e presto sarà pubblicato.
In occasione del Convegno di Massa Marittima saranno distribuiti gli Atti del Convegno di Viterbo dello scorso anno. Motivo in più per partecipare!
L'organizzazione del Convegno è a cura della Coop Colline Metallifere e dell'APM. Ecco il sito per essere aggiornati:
http://piccolimusei.weebly.com

Infine se desiderate leggere una presentazione degli obiettivi dell'Ass.ne Nazionale dei Piccoli Musei, ecco un'intervista a chi scrive:
http://zebrart.it/piccoli-musei-intervista-al-presidente-dallara/

sabato 7 febbraio 2015

Intervista su #Smallmuseumtour, il progetto/evento dei piccoli musei su twitter


Cosa è davvero #Smallmuseumtour? Risponde a questa domanda Ilenia Atzori, responsabile dell'Ass.ne Nazionale dei Piccoli Musei della Sardegna, che assieme a Caterina Pisu, coordinatrice Nazionale dell'APM, anima questo progetto/evento di valorizzazione dei piccoli musei.
"#smallmuseumtour è il tour virtuale dei piccoli musei italiani, su Twitter. Ogni settimana viene presentato, attraverso 8 immagini e relative didascalie, un museo diverso; a condurre il tour, il responsabile incaricato dal museo (che molto spesso è lo stesso direttore, oppure il responsabile per la comunicazione) ed uno degli account dell’Associazione Nazionale Piccoli Musei: @PiccoliMusei e @PiccoliMusei2.
#smallmuseumtour nasce nel maggio dello scorso anno, da un’idea della dott.ssa Caterina Pisu, coordinatrice nazionale dell’APM, sulla scia del successo e delle relazioni che sono venute a crearsi durante la precedente #MuseumWeek, evento internazionale promosso a marzo, su Twitter, da alcuni tra i musei più importanti al mondo.
Lo scopo di #smallmuseumtour non è solo quello di promuovere un piccolo museo. Da un lato, c’è il desiderio di stimolare l’utilizzo dei social network come strumento per la promozione delle proprie attività, in modo creativo. Dall’altro, quello di portare il museo oltre i propri confini, verso un punto di incontro con un pubblico più vasto rispetto a quello abituale, provando a creare anche delle relazioni che superino il virtuale. Mi spiego meglio…
Non sempre abbiamo la possibilità di raggiungere un museo, e le ragioni possono essere diverse: distanza e relativi costi di viaggio e soggiorno, malattia, disabilità, limitazioni alla propria libertà di movimento. O, magari, più semplicemente, non sappiamo della sua esistenza. E, viceversa, come potrebbe un piccolo museo, con budget evidentemente ridotti da destinare alla promozione e comunicazione delle proprie attività, farsi conoscere al di là dei confini locali (che, spesso, non coincidono nemmeno con quelli regionali)? L’uso dei social permette di abbattere questo genere di barriere, e di modificare la percezione stessa che il pubblico ha dei musei, e dei punti di interesse culturale in genere.
Come associazione, puntiamo molto su diversi temi complementari, come ad esempio l’accoglienza (non per nulla, il nostro Presidente è il Prof. Giancarlo Dall’Ara, uno dei massimi esperti sul tema, in Italia), la comunicazione, il legame tra piccolo museo ed il territorio cui appartiene. Con questa iniziativa, si è voluto porre l’accento anche su un altro dei temi che ci stanno a cuore: il ruolo sociale dei musei."
articolo completo su Zabrart.it, qui:
http://zebrart.it/smallmuseumtour-musei-nellera-di-twitter/